giovedì 31 dicembre 2009

Buon anno a tutti

Buon anno a tutti e tanti auguri sopratutto a quei lavoratori che stanno lottando anche stasera per la difesa del loro posto di lavoro.
Innse,eutelia,fiat etc. Tanti auguri ragazzi e in bocca al lupo.
Sanremese adottato impara cosa è la dignità da queste persone.

lunedì 28 dicembre 2009

La Baia si può sequestrare.

Le motivazioni della sentenza sono pubbliche: il dissequestro non è valido, è possibile ordinare il sequestro di siti che concorrano alla violazione del diritto d'autore. E TPB non sarebbe un agnostico intermediario.

http://punto-informatico.it/2778015/PI/News/cassazione-baia-si-puo-sequestrare.aspx

Premetto che non scarico nulla se non qualche applicazione gratuita tipo openeoffice etc. Sinceramente non capisco la cassazione ora di nuovo stando a quel che ho capito vogliono filtrare l'accesso alla baia con i soliti filtri che chiunque con un pò di esperienza superiore alla mia riesce facilmente ad aggirare.
Mi chiedo però è lecita questa sempre maggiore influenza della giustizia e della politica sul web? Vedi il caso faceboock na caciara pazzesca ma la nostra classe dirigente espressione del popolo SOVRANO sà di cosa parla? E alla lunga che ci aspetta per il futuro? Web a pagamento e solo verso siti approvati da chi non capisce nulla delle dinamiche della rete? Mi sà che della globalizzazione stiamo prendendo i lati negativi,vedi Cina,Iran Cuba.
Spero di aver espresso bene le mie idee ho la pancia ancora piena delle feste passate.

venerdì 25 dicembre 2009

Grande Papa

Non sono particolarmente un cattolico praticante, L'attuale Pontefice non mi è particolarmente simpatico ma questo probabilmente perchè è il successore di un Pontefice e un Pontificato che dire fantastico è forse poco.Ma Il Papa oggi mi è piaciuto molto nonostante l'aggressione ha dimostrato di essere quello che forse non sanno un Papa che non solo è uno dei massimi teologi della storia contemporanea, ma anche un papa umano mi ha fatto piacere che ha svolto la messa di Natale sono contento per lui e per tutti i credenti.

giovedì 24 dicembre 2009

Buon Natale a tutti e felice anno nuovo

Auguro ai miei condomini e amici che ogni tanto mi visitano un sereno Natale e un buon anno nuovo.
Al dinamico duo a coppie di 2 ai corrado,giuditta e ai corrado modello giuditta sistemi falliti vari bè che dire sciacallate come sempre che noi ridiamo sempre più. Forse alla fine una risata davvero vi seppellirà.
Stasera megacenone di famiglia accompagnato da Falanghina dei campi flegrei. Sono vizioso lo sò.

Ancora auguroni a tutti tutti tutti.

domenica 13 dicembre 2009

Paese che vai leggi che trovi e che si devono rispettare

Tratto da Il giornale:
Costituisce una minaccia per la sicurezza nazionale. Con questa spiegazione le autorità elvetiche hanno vietato a un predicatore musulmano di entrare in Svizzera per partecipare alla manifestazione prevista a Berna per protestare contro il divieto di costruzione di nuovi minareti nel Paese. Il divieto sarà valido fino al primo dicembre 2010 per disposizione dell’Ufficio federale delle migrazioni. Pierre Vogel, cittadino tedesco convertito all’islam, ex boxeur, è noto per le sue posizioni estremamente radicali. È stato fermato al confine tra Germania e Svizzera.
http://www.ilgiornale.it/interni/svizzera_divieto_ingresso_predicatore_dellislam_radicale/13-12-2009/articolo-id=406456-page=0-comments=1

Da noi sarebbe possibile una cosa del genere? Ne parlerò con i miei condomini ma anche se gli Svizzeri non mi son particolarmente simpatici mi piace la loro democrazia diretta funzionale perchè è relativamente basso il numero degli elettori.
Riguardo ai Minareti non mi esprimo è la loro Nazione e decidono loro. Se poi dovessimo fare valere il diritto di reciprocità sarebbero uccelli amari. In arabia saudita mi pare che manco un crocefisso si possa tenere al collo.... Va be ho buttato giù 2 righe in libertà.

sabato 7 novembre 2009

Varata la USS New York LPD 21

USS New York è stata varata pochi giorni fà. Per chi non lo sapesse la particolarità di questa stupenda LPD è che è stata costruita in parte con l'acciaio proveniente dal World Trade Center.
Il suo nome è un omaggio alla città e allo stato di New York.Al momento si trova ormeggiata su uno dei moli dell'
Hudson River in onore dei caduti dell'11 settembre e per chi ha la fortuna di essere li può andare a visitarla metto questo link per chi fosse interessato http://www.ussnewyork.com/index.html Che dire, gran bella idea usare l'acciaio di palazzi distrutti riciclato in una nave che difenderà gli U.S.A. Ammiro gli U.S.A. anche per queste cose.Han pregi e difetti come molte Nazioni, ma io ci vedo più pregi rispetto ad altre e li ammiro per la loro testardaggine e anche per il loro sistema di governo. Va bè mi fermo altrimenti passo per filo americano.
P.S. Amo di più la mia Italia con i suoi difettucci.

domenica 1 novembre 2009

Arrivò l'influenza

Con un pò di ritardo e sollievo dei miei condomini aggiorno le mie notizie sull'influenza. Devo dire che i risultati del mini sondaggio sono in controtendenza rispetto alla cerchia delle mie conoscenze.
Allora diciamo che della suina han poco timore di per sè ma solo un pò di sfiducia sull'efficacia del vaccino per carità niente cazzate che è un veleno studiato apposta per decimare la popolazione come cianciano sterker randazzo e corrado. Solo sfiducia tutto qui.Diciamo che un 50% faranno o han già fatto il normale vaccino.Interessante una cosa però ho chiesto ad amici nelle forze armate e nella sanità come si comporteranno cioè se faranno o meno il vaccino antisuina ovviamente non han valore statistico. Nella sanità su 1000 dipendenti di un ospedale l'80% non lo farà ma di questi quasi tutti faranno il normale vaccino come detto le motivazioni sono quelle su riportate.Nelle forze armate siamo sugli stessi livelli piu o meno nello specifico parlo della Brigata Garibaldi unità operativa utilizzata spesso nelle varie missioni internazionali.
Quindi niente inutili allarmismi e niente panico tra la gene comune sopratutto tra i molti che internet lo usano solo per la posta o sanno che esiste perchè han dovuto mettere l'adsl per i figli.

mercoledì 14 ottobre 2009

Articolo tratto da nonciclopedia non si può non citarlo del resto si cita spesso pure wiki (senza offesa per nessuno)

Oslo - Che la giuria che assegna i Premi Nobel fosse di parte, era un fatto consolidato, ma che fosse di fede comunista è una conferma che giunge soltanto nella giornata odierna. Il premio Nobel per la Pace è stato dato infatti a Barack Obama, l'omino bianco della politica internazionale, lasciando a bocca asciutta l'uomo più amato dal popolo terrestre da 150 anni a questa parte: il nostro Silvio Berlusconi.

Dopo i guai giudiziari, i guai con le mignotte e i guai con la storia italiana, il nostro fantastico premier si è visto nuovamente battuto anche a livello internazionale. Negli ultimi tempi aveva persino iniziato a fare la lampada per poter competere ad armi pari con gli altri tre in lizza per il premio Nobel per la Pace (oltre ad Obama e Berlusconi, nelle candidature figuravano anche Muammar Gheddafi e Mahmud Ahmadinejad), ma tutti i suoi sforzi sono stati vani.

Nelle motivazioni della giuria si legge infatti che sebbene Berlusconi sia amico di varie potenze pacifiche come Russia e Cina e abbia soldati schierati in ogni guerra, non poteva davvero sperare di poter superare l'America in quanto ad esportatore di pace e libertà. Silvio, costretto ad ingoiare un boccone amaro quanto la bocciatura del Lodo Alfano, con la sua solita verve avrebbe tentato di buttarla sul ridere scherzando ancora una volta sull'abbronzatura del simpatico Barack, salutandolo telefonicamente con un "Sei più abbronzato che pacifista!" ([1]), a cui Obama avrebbe risposto con un bombardamento mirato di Arcore.

Fonte: http://tinyurl.com/ykodm9f

sabato 10 ottobre 2009

Una nuova stella è apparsa nel cielo

Si è spenta una giovane vita figlia di un mio caro amico, una ventenne è stata strappata via da questo mondo cosi per un banale incidente. Addio A. Spero tu sia in un posto migliore.

domenica 4 ottobre 2009

Chi si vaccina per l'influenza A/N1H1 ?

Tra poco inizia la campagna per le vaccinazioni per questo nuovo tipo di influenza dal mio piccolo blog condominiale (ebbene si lo leggono i miei condomini almeno cosi mi dicono) volevo proporre un sondaggio per i normo pensanti per sapere la loro opinione sulla vaccinazione,nel senso se la faranno oppure nò e se avete voglia di motivarne il motivo.

domenica 27 settembre 2009

Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2009-2010”

Circolare del Ministero del lavoro della salute e delle politiche sociali. Alcune parti non attinenti non sono state inserite ma credo che WeWee la conosca. Perdonate se durante il copia e incolla sbaglio qualcosa. Dimenticavo scusate se è prolissa ma le circolari ministeriali di solito lo sono. Partefinale.

I risultati della sorveglianza epidemiologica e virologica sono diffusi settimanalmente attraverso i
siti internet: http://www.ministerosalute.it/promozione/malattie/influenza.jsp?lista=0 e
http://www.flu.iss.it
2. La prevenzione dell’influenza
2.1 Misure di igiene e protezione individuale
La trasmissione interumana del virus dell’influenza si può verificare per via aerea attraverso le
gocce di saliva di chi tossisce o starnutisce, ma anche attraverso il contatto con mani contaminate
dalle secrezioni respiratorie. Per questo, una buona igiene delle mani e delle secrezioni respiratorie
può giocare un ruolo importante nel limitare la diffusione dell’influenza. Recentemente l’ECDC ha
valutato le evidenze sulle misure di protezione personali (misure non farmacologiche) utili per
ridurre la trasmissione del virus dell’influenza, ed ha raccomandato le seguenti azioni:
1. Lavaggio delle mani (in assenza di acqua, uso di gel alcolici) Fortemente
raccomandato
2. Buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce,
trattare i fazzoletti e lavarsi le mani) Raccomandato
3. Isolamento volontario a casa di delle persone con malattie respiratorie febbrili specie
in fase iniziale Raccomandato
4. Uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologia influenzale quando si
trovano in ambienti sanitari (ospedali) Raccomandato.
Tali misure si aggiungono a quelle basate sui presidi farmaceutici (vaccinazioni e uso di antivirali).
Una campagna di comunicazione sulla prevenzione dell’influenza dovrà quindi includere
informazioni sulle misure non farmaceutiche.
Tra i messaggi da privilegiare vi sono l’igiene respiratoria (contenimento degli starnuti, dei colpi di
tosse, con la protezione della mano o di un fazzoletto, evitando contatti ravvicinati se ci si sente
influenzati); evidenziare che un gesto semplice ed economico, come il lavarsi spesso le mani, in
particolare dopo essersi soffiati il naso o aver tossito o starnutito, costituisce un rimedio utile per
ridurre la diffusione dei virus influenzali, così come di altri agenti infettivi.
Sebbene tale gesto sia sottovalutato, esso rappresenta sicuramente l’intervento preventivo di prima
scelta, ed è pratica riconosciuta, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, tra le più efficaci per il
controllo della diffusione delle infezioni anche negli ospedali.
Altri messaggi dovrebbero, almeno nei primi giorni, essere indirizzati ad informare la popolazione
che è bene evitare di recarsi al lavoro, se si è affetti da sintomatologia influenzale, per evitare di
contribuire alla diffusione del contagio.
2.2. La vaccinazione
La vaccinazione antinfluenzale rappresenta un mezzo efficace e sicuro per prevenire la malattia e le
sue complicanze.
La composizione dei vaccini antinfluenzali viene aggiornata di anno in anno. In presenza di una
buona corrispondenza fra la composizione del vaccino e i virus influenzali circolanti, l’efficacia
stimata, in adulti sani, varia dal 70 al 90%. Nei bambini e ragazzi fino a 16 anni è stimata
un’efficacia pari al 60-70%.
Negli anziani che vivono in comunità, l’efficacia stimata della vaccinazione, nel ridurre la mortalità
legata all’influenza, varia dal 23 al 75%. Se si considerano gli anziani, che vivono in strutture di
lungo-degenza, la stima di efficacia nel ridurre i decessi è del 23-79%.
La prevenzione dell’influenza tramite vaccinazione deve essere oggetto, pertanto, di massima
considerazione da parte delle Autorità di sanità pubblica.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità indica quale obiettivo primario della vaccinazione
antinfluenzale la prevenzione delle forme gravi e complicate di influenza e la riduzione della
mortalità prematura in gruppi ad aumentato rischio di malattia grave: una strategia vaccinale basata
su questi presupposti presenta un favorevole rapporto costo-beneficio e costo-efficacia.
In ambito europeo, pur con qualche variazione, per ciò che concerne l’individuazione dei gruppi a
rischio, cui la vaccinazione va offerta in via preferenziale, esiste una sostanziale concordanza sul
fatto che principali destinatari dell’offerta di vaccino antinfluenzale stagionale debbano essere le
persone di età pari o superiore a 65 anni, nonché le persone di tutte le età con alcune patologie di
base che aumentano il rischio di complicanze in corso di influenza.
Pertanto, gli obiettivi della campagna vaccinale stagionale contro l’influenza sono:
• riduzione del rischio individuale di malattia, ospedalizzazione e morte
• riduzione dei costi sociali connessi con morbosità e mortalità
2.3 Gli antivirali

Sebbene la vaccinazione antinfluenzale annuale rappresenti la migliore strategia per la prevenzione
delle complicanze delle infezioni da virus influenzali, i farmaci antivirali possono essere considerati
come ulteriore presidio per il trattamento e la chemioprofilassi dell’influenza.
L’utilizzo degli antivirali per il trattamento dell’influenza è descritto in dettaglio nelle Linee Guida
per la gestione della Sindrome Influenzale a cui si rimanda per tutte le indicazioni pertinenti
(www.snlg–iss.it ).
Degli antivirali attualmente in commercio in Italia (inibitori M2: amantadina; inibitori della
neuraminidasi: oseltamivir e zanamivir) sono autorizzati per l’uso profilattico l’amantadina e
l’oseltamivir.
L’amantadina è un farmaco indicato per l’influenza causata dai virus di tipo A. Revisioni
sistematiche indicano che negli adulti la profilassi con questo farmaco ha un’efficacia del 25% nel
prevenire i casi di ILI (Influenza Like Sindrome) (IC 95%: 13%-36%), e del 61% nel prevenire i
casi di influenza da virus A confermati in laboratorio (IC 95%: 35%-76%). L’utilizzo del farmaco è
associato ad effetti collaterali e quindi non è raccomandato se non in particolari condizioni.
L’oseltamivir è indicato contro l’influenza A e B ed è caratterizzato da migliore tollerabilità,
rispetto all’amantadina. L’efficacia di questo farmaco nel prevenire l’influenza confermata in
laboratorio, nei giovani adulti, è risultata essere dell’82%, mentre l’efficacia nel prevenire le forme
di ILI risulta estremamente modesta. Nel caso di trattamento post-esposizione di conviventi di casi
di malattia l’efficacia è risultata del 58.5% (15.6%-79.6).
In Italia lo zanamivir è autorizzato al commercio con l’indicazione per il solo trattamento di
soggetti di età ≥ 12 anni. Va sottolineato che l’efficacia profilattica dei farmaci antivirali dipende in
modo cruciale dal tempo di somministrazione, che non deve superare le 48 ore dall’esordio dei
sintomi del caso indice.
Infine, sono stati descritti fenomeni di resistenza all’oseltamivir. Durante la stagione 2008-
2009, secondo i dati dell’OMS, la prevalenza di resistenza all’oseltamivir è stata più alta in Canada,
Hong Kong, Giappone, Corea e USA. In Europa la prevalenza è stata molto alta in Francia, in
Germania, Irlanda, Italia e Regno Unito.
Le attività di monitoraggio condotte nell’ambito dello studio della resistenza ai farmaci
antinfluenzali ed, in particolare, agli Inibitori della Neuraminidasi, hanno permesso di rilevare che
tutti i virus influenzali di tipo A - sottotipo H1N1 – analizzati in Italia sono risultati resistenti
all’Oseltamivir (Tamiflu), sebbene ancora sensibili allo Zanamivir (Relenza).
L’uso profilattico dei farmaci antivirali non è raccomandato di routine durante le epidemie
stagionali di influenza.
Va inoltre ribadito che gli antivirali :
• non sono un’alternativa alla vaccinazione;
• devono essere sempre assunti su prescrizione e sotto controllo medico;
• devono essere assunti con tempestività.
3. Raccomandazioni per la vaccinazione antinfluenzale
3.1 Composizione del vaccino antinfluenzale per la stagione 2009-2010
Le informazioni sui ceppi circolanti e il trend epidemiologico sono raccolti dal Global Influenza
Surveillance Network dell’OMS, che si avvale della collaborazione dei National Influenza Centres
(NIC), presenti in 83 Paesi del mondo. Per l’Italia, il NIC è sito presso l’Istituto Superiore di Sanità.
9
Nella stagione epidemica 2008-2009 i virus influenzali di tipo A/H1N1, A/H3N2 e B hanno
circolato in molti Paesi del mondo.
La maggior parte dei test di caratterizzazione antigenica eseguiti sugli isolati più recenti hanno
mostrato, per il virus A/H1N1 stagionale, caratteristiche simili al ceppo A/Brisbane/59/2007. Gli
attuali vaccini contenenti antigene analogo al ceppo A/Brisbane/59/2007 stimolavano anticorpi che
a volte erano più bassi negli isolati recenti che nei virus vaccinali.
In molti Paesi sono state riportate epidemie causate da virus influenzali di tipo A/H3N2. La maggior
parte dei test di caratterizzazione antigenica eseguiti sugli isolati più recenti hanno mostrato,
caratteristiche simili al ceppo A/Brisbane/10/2007 e A/Uruguay/716/2007. Gli attuali vaccini
contenenti antigene analogo al ceppo A/Brisbane/10/2007 o A/Uruguay/716/2007 stimolavano
anticorpi simili negli isolati recenti e nei virus vaccinali.
In molti Paesi sono state riportate epidemie causate da virus influenzali di tipo B. Mentre i virus
B/Victoria/2/87 e B/Yamagata/16/88 erano co-circolanti, i virus B/Victoria/2/87 erano
predominanti. La maggior parte dei test di caratterizzazione antigenica eseguiti sugli isolati più
recenti hanno mostrato, per i virus B/Victoria/2/87, caratteristiche simili al ceppo
B/Brisbane/60/2008. I più recenti B/Yamagata/16/88 hanno mostrato caratteristiche simili al ceppo
B/Florida/4/2006. Gli attuali vaccini contenenti antigene analogo al ceppo B/Florida/4/2006 o
B/Brisbane/3/2007 stimolavano anticorpi simili negli isolati recenti di tipo B/Yamagata/16/88 e nei
virus vaccinali; comunque, i titoli erano molto più bassi negli isolati B/Victoria/2/87.
In base ai dati osservati è stata decisa la seguente composizione del vaccino per la prossima
stagione 2009-2010 per l’emisfero settentrionale:
- antigene analogo al ceppo A/Brisbane/59/2007 (H1N1)*
- antigene analogo al ceppo A/ Brisbane /10/2007 (H3N2)**
- antigene analogo al ceppo B/ Brisbane /60/2008 #
* A/Brisbane/59/2007 è attualmente un virus vaccinale; A/South Dakota/6/2007 (un virus simile a A/ Brisbane/59/2007)
è attualmente un virus vaccinale usato nei vaccini attenuati.
** A/Brisbane/10/2007 e A/Uruguay/716/2007 (un virus simile a B/Brisbane/10/2007) sono attualmente virus vaccinali.
# B/Brisbane/33/2008 è attualmente un virus simile a B/Brisbane/60/2008.
Le quantità antigeniche standardizzate per ciascun ceppo vaccinale devono, come stabilito dal
Gruppo ad hoc sulla Biotecnologia e Farmacologia della Commissione dell’Unione Europea,
contenere una quantità di emoagglutinina pari a 15 μg per ceppo e per dose di vaccino
antinfluenzale.
3.2. Raccomandazioni sull'impiego del vaccino antinfluenzale
Il vaccino antinfluenzale è indicato per la protezione di tutti i soggetti che non abbiano specifiche
controindicazioni alla sua somministrazione, come riportato nei foglietti illustrativi e nel Riassunto
delle Caratteristiche del Prodotto (RCP) di ogni specifico vaccino .
Tuttavia, in accordo con gli obiettivi specifici indicati dalla pianificazione sanitaria nazionale e con
il perseguimento
degli obiettivi specifici della vaccinazione antinfluenzale, vengono qui indicati i
gruppi di popolazione per cui l’offerta attiva e gratuita di vaccinazione è prioritaria da parte dei
servizi territoriali di prevenzione, direttamente o attraverso servizi collegati (medici di famiglia,
ospedali, datori di lavoro):
1. Soggetti di età pari o superiore a 65 anni
2. Bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti affetti da:
a) malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio (inclusa l’asma, la displasia
broncopolmonare, la fibrosi cistica e la broncopatia cronico ostruttiva-BPCO)
b) malattie dell’apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite
c) diabete mellito e altre malattie metaboliche
d) malattie renali con insufficienza renale
e) malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie
f) tumori
g) malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi,
immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV
h) malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali
i) patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici
j) patologie associate ad un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es.
malattie neuromuscolari)
3. Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di
Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale;
4. Donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di
gravidanza
Diversi studi hanno messo in evidenza il maggior rischio di gravi complicazioni in seguito
all'influenza, anche in assenza di condizioni mediche predisponenti, per le donne nel terzo trimestre
di gravidanza o nelle prime fasi del puerperio; i vaccini antinfluenzali sono a base di virus uccisi o
di subunità e non comportano quindi, in nessuna fase della gravidanza, i rischi connessi all’impiego
di vaccini con virus vivi attenuati.
Per quanto riguarda le donne che saranno nel secondo e terzo trimestre di gravidanza durante la
stagione epidemica, è opportuno che vengano vaccinate contro l’influenza stagionale per
l’aumentato rischio di complicanze gravi e di decesso correlati alla malattia.
La vaccinazione, può essere effettuata in qualsiasi trimestre della gravidanza, in quanto non
associata a rischi per il feto.
Tuttavia, si ritiene opportuno sottolineare che nel corso del primo trimestre di gravidanza
l’effettuazione della vaccinazione antinfluenzale deve essere subordinata ad una accurata
valutazione del rapporto rischio/beneficio da parte del medico curante, dal momento che la
letteratura scientifica riguardante gli effetti della vaccinazione eseguita in questa fase della
gravidanza è scarsa e non esaustiva.
5. Individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti
I pazienti ricoverati presso le strutture per lungodegenti risultano particolarmente fragili nei periodi
di maggiore circolazione dei virus influenzali. Essi risultano generalmente portatori di condizioni
individuali o di specifiche patologie che predispongono alle complicanze e rendono particolarmente
severo il decorso della malattia influenzale.
Inoltre la vita in comunità rende molto facile il contagio interumano ogni volta che il virus entra
nella comunità stessa. Un’ampia letteratura documenta l’utilità della vaccinazione influenzale nelle
comunità per lungodegenti.
6. Medici e personale sanitario di assistenza
Le motivazioni per le quali è importante l’immunizzazione del personale sanitario che opera nelle
strutture ospedaliere per acuti, nelle comunità per lungodegenti, nelle strutture territoriali e a livello
di popolazione (medici e pediatri di famiglia) sono diverse:
a. il rischio personale di contrarre l’influenza essendo a continuo contatto con soggetti
ammalati di forme respiratorie e di influenza specie nei periodi di diffusione epidemica dei
virus;
b. l’assenteismo dal lavoro per influenza proprio nel periodo in cui vi è maggiore
richiesta di assistenza da parte della popolazione;
c. il rischio di diventare fonte di infezione da virus influenzali nella comunità dove
esercitano la loro attività lavorativa (ospedale, strutture per lungodegenti etc.), comunità che
richiedono invece il massimo di tutela.
Esiste un’ampia letteratura che documenta l’utilità della vaccinazione del personale sanitario.
7. Familiari e contatti di soggetti ad alto rischio
Tale categoria di soggetti diventa un importante elemento per ridurre il rischio di trasmissione,
soprattutto quando i soggetti ad alto rischio non possono essere vaccinati a causa dell’esistenza di
vere controindicazioni alla vaccinazione.
8. Soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori:
La vaccinazione sarà offerta gratuitamente alle forze di polizia e ai vigili del fuoco, considerato il
ruolo essenziale svolto nell’ambito della sicurezza ed emergenza.
Altre categorie socialmente utili potrebbero avvantaggiarsi della vaccinazione per specifici motivi
o, comunque, per motivi vincolati allo svolgimento della loro attività lavorativa; a tale riguardo, è
facoltà delle Regioni/PP.AA. definire i principi e le modalità dell’offerta a tali categorie.
Infine, è pratica internazionalmente diffusa l’offerta attiva e gratuita della vaccinazione
antinfluenzale da parte dei datori di lavoro ai lavoratori particolarmente esposti per attività svolta e
al fine di contenere ricadute negative sulla produttività.
9. Personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire
fonte di infezione da virus influenzali non umani
Ai lavoratori a contatto con specie animali, che sono serbatoi naturali dei virus influenzali o che si
ammalano a causa di questi, va raccomandata, ed offerta attivamente, la vaccinazione
antinfluenzale.
Tale intervento preventivo è finalizzato a mantenere in salute questa categoria di soggetti che, oltre
a coloro che sono coinvolti nell’allevamento, comprende operatori che svolgono importanti funzioni
di vigilanza e controllo sulla salute animale, che si sono rivelate le armi più efficaci nel contrastare
l’introduzione e la diffusione di virus influenzali altamente patogeni e potenzialmente pandemici.
La vaccinazione antinfluenzale, inoltre, è importante anche per evitare coinfezioni in questi soggetti
tra virus influenzali umani e virus influenzali patogeni per specie animali, che potrebbero dar luogo
ad una ricombinazione virale che potrebbe dare origine ad un nuovo virus influenzale altamente
patogeno, trasmissibile da uomo a uomo.
Per tale ragione, la vaccinazione antinfluenzale è raccomandata a:
12
- allevatori
- addetti all’attività di allevamento
- addetti al trasporto di animali vivi
- macellatori e vaccinatori
- veterinari pubblici e libero-professionisti
10. Informazioni aggiuntive riguardo alla vaccinazione di ulteriori gruppi di popolazione
Bambini non compresi nelle categorie a rischio:
L’inserimento nelle categorie da immunizzare prioritariamente contro l’influenza di tutti i bambini
da 6 mesi a 24 mesi (o fino a 5 anni) è un argomento attualmente al centro di discussione da parte
della comunità scientifica internazionale.
Questa scelta è gia stata fatta dalla Sanità Americana e Canadese ma i dati di copertura vaccinale
finora raggiunti non consentono di valutare l’impatto di tale intervento.
Pertanto i Servizi di Sanità Pubblica dei Paesi europei, compresi quelli italiani, non hanno finora
ritenuto di promuovere programmi di offerta attiva gratuita del vaccino influenzale ai bambini che
non presentino fattori individuali di rischio.
Ciò non significa che vi siano controindicazioni alla vaccinazione dei bambini “sani” di età
superiore a 6 mesi, qualora il loro pediatra optasse per tale scelta. Ma si sottolinea di considerare,
stimato il numero limitato di vaccino disponibile, la priorità dell’offerta per i soggetti appartenenti a
gruppi a rischio.
Valgono per loro le stesse regole (dosaggio, n° di dosi) indicate per i bambini appartenenti ai gruppi
di rischio.
Popolazione generale
Possono scegliere di vaccinarsi contro l’influenza tutte le persone che desiderino evitare la malattia
influenzale, per varie motivazioni (timore della malattia, viaggi, lavoro, etc.), salvo quelle per cui
esistano specifiche controindicazioni; è bene che tale scelta sia sempre effettuata di concerto con il
proprio medico. Il vaccino è disponibile presso le farmacie.
4. Informazioni sui vaccini antinfluenzali
Fermo restando che i vaccini vanno utilizzati sempre seguendo le indicazioni contenute nei
Riassunti delle Caratteristiche del Prodotto (RCP) approvati dei singoli prodotti autorizzati in Italia,
al fine di supportare l’informazione sul vaccino antinfluenzale, di seguito si riportano alcune
importanti indicazioni.
4.1 Tipologia di vaccini
I vaccini disponibili in Italia sono tutti inattivati e quindi non contengono particelle virali intere
attivi e sono classificabili nei seguenti tipi:
- vaccino split, contenente virus influenzali frammentati
- vaccino a subunità, contenente solo gli antigeni di superficie, emoagglutinina e neuraminidasi
- vaccino virosomiale, contenente gli antigeni di superficie emoagglutinine e neuroaminidasi
legati a virosomi come sistema carrier/adiuvante
13
vaccino adiuvato, contenente gli antigeni di superficie emulsionati ad adiuvante oleoso
metabolizzabile (MF59).
I vaccini a subunità, sono in genere meno reattogenici rispetto agli altri e pertanto sono
particolarmente indicati per l’immunizzazione dei bambini e di adulti che abbiano presentato
episodi reattivi a precedenti vaccinazioni
I vaccini virosomiali vanno considerati come vaccini adiuvati; sono autorizzati per
l’immunizzazione dei soggetti dai 6 mesi di età.
I vaccini adiuvati con MF59 sono autorizzati, fino ad ora per l’immunizzazione dei soggetti ≥64
anni. La funzione degli adiuvanti è quella di potenziare la risposta immunitaria alla vaccinazione;
per questo trovano particolare indicazione per l’immunizzazione dei soggetti anziani e di quelli
poco rispondenti.
4.2 Dosaggio e modalità di somministrazione
Ferme restando le indicazioni riportate su RCP di ciascun vaccino registrato, si riporta di seguito la
tabella contenente indicazioni su dosaggio e modalità di somministrazione:
Età Vaccino Modalità di somministrazione
Da 6 mesi
a 36 mesi
split o sub-unità/virosomiale - Formulazione pediatrica o mezza dose adulti (0,25 ml) ripetuta a
distanza di almeno 4 settimane per bambini che vengono
vaccinati per la prima volta
- Formulazione pediatrica o mezza dose adulti (0,25 ml) se già
vaccinati negli anni precedenti.
Da 3 a 9
anni
split o sub-unità/virosomiale - 1 dose (0,50 ml) ripetuta a distanza di almeno 4 settimane per
bambini che vengono vaccinati per la prima volta
- 1 dose (0,50 ml) se già vaccinati negli anni precedenti.
oltre 9
anni
split o sub-unità/virosomiale 1 dose (0,50 ml)
età ≥ 65
anni
split o sub-unità/adiuvato con
MF59 e con virosomi
(virosomiale)
1 dose (0,50 ml)
Poiché la maggior parte della popolazione è stata, con tutta probabilità, infettata dai virus
influenzali A/H3N2, A/H1N1 e B nel corso degli ultimi anni, una sola dose di vaccino
antinfluenzale è sufficiente per i soggetti di tutte le età, con esclusione dell’età infantile.
Per i bambini al di sotto dei 9 anni di età, mai vaccinati in precedenza, si raccomandano due dosi
di vaccino antinfluenzale stagionale, da somministrare a distanza di almeno quattro settimane (come
esplicitato in tabella).
Il vaccino antinfluenzale va somministrato per via intramuscolare ed è raccomandata l’inoculazione
nel muscolo deltoide per tutti i soggetti di età superiore a 9 anni; nei bambini e nei lattanti la sede
raccomandata è la faccia antero-laterale della coscia.
Il periodo destinato alla conduzione delle campagne di vaccinazione antinfluenzale è, per la nostra
situazione climatica e per l’andamento temporale mostrato dalle epidemie influenzali in Italia,
quello autunnale, a partire dall’ inizio di ottobre fino a fine dicembre.
In considerazione dell’eventuale rapido evolversi della situazione epidemiologica del nuovo virus
A(H1N1)v, potrà essere necessario riorganizzare la tempistica della campagna di vaccinazione
stagionale, in accordo con le Regioni/PP.AA..
Va tuttavia tenuto presente che, soprattutto nelle persone anziane che presentano risposte
immunitarie meno valide, un anticipo della somministrazione del vaccino antinfluenzale stagionale
potrebbe, avere come conseguenza un declino del titolo anticorpale proprio in corrispondenza del
picco epidemico stagionale. Non vi sono controindicazioni alla vaccinazione delle persone
asintomatiche anche nel periodo epidemico.
4.3 Mantenimento del vaccino, temperatura e stabilità.
Il vaccino antinfluenzale deve essere conservato a temperature comprese tra +2°C e + 8°C, e non
deve essere congelato.
I vaccini inattivati contro l’influenza, se conservati ad una temperatura corretta, tra 2 e 8°C,
rimangono stabili per almeno un anno.
Per un mantenimento ottimale si raccomanda di assicurarsi che il vaccino permanga il meno
possibile fuori dal frigorifero; il vaccino deve essere trasportato in busta o contenitore per farmaci/
alimenti surgelati/refrigerati nei quali sia presente un elemento refrigerante, con il quale va evitato
accuratamente che il vaccino venga a diretto contatto.
4.4. Controindicazioni e precauzioni
Il vaccino antinfluenzale non deve essere somministrato a:
- Lattanti al di sotto dei sei mesi (per mancanza di studi clinici controllati che dimostrino
l’innocuità del vaccino in tali fasce d’età).
- Soggetti che abbiano manifestato reazioni di tipo anafilattico ad una precedente
vaccinazione o ad uno dei suoi componenti.
- Una malattia acuta di media o grave entità, con o senza febbre, costituisce una
controindicazione temporanea alla vaccinazione, che va rimandata a guarigione avvenuta.
Un’anamnesi positiva per sindrome di Guillain-Barrè costituisce motivo di precauzione riguardo
alla somministrazione di vaccino antinfluenzale.
4.5 False controindicazioni
- Allergia alle proteine dell’uovo, con manifestazioni non anafilattiche;
- Malattie acute di lieve entità;
- Infezione da HIV ed altre immunodeficienze congenite o acquisite. La condizione di
immunodepressione non costituisce una controindicazione alla somministrazione della vaccinazione
antinfluenzale. La somministrazione del vaccino potrebbe non evocare una adeguata risposta
immune. Una seconda dose di vaccino non migliora la risposta anticorpale in modo sostanziale.
4.6 Somministrazione simultanea di più vaccini
Il vaccino antinfluenzale non interferisce con la risposta immune ad altri vaccini inattivati o vivi
attenuati.
I soggetti che rientrano nelle categorie sopra indicate possono ricevere, se necessario, il vaccino
antinfluenzale contemporaneamente ad altri vaccini, in sedi corporee e con siringhe diverse.
Negli adulti ad alto rischio di complicazioni e negli anziani, la vaccinazione antinfluenzale è
l’occasione opportuna per somministrare contemporaneamente altri vaccini, quali
l’antipneumococcico, per prevenire le complicanze dell’influenza o di altre infezioni virali
dell’apparato respiratorio, e l’antitetanico, per prevenire i rischi di tale infezione.
15
4.7.Reazioni indesiderate al vaccino antinfluenzale
I vaccini antinfluenzali contengono solo virus inattivati o parti di questi, pertanto non possono
essere responsabili di infezioni da virus influenzali.
Le persone vaccinate dovrebbero essere ragguagliate sul fatto che, particolarmente nella stagione
fredda, infezioni respiratorie e sindromi con sintomatologie simili a quelle dell’influenza possono
essere provocate da molteplici altri agenti batterici e virali, nei cui confronti il vaccino
antinfluenzale non può avere alcuna efficacia protettiva.
Gli effetti collaterali comuni dopo somministrazione di vaccino antinfluenzale consistono in
reazioni locali, quali dolore, eritema, gonfiore nel sito di iniezione.
Le reazioni sistemiche comuni includono malessere generale, febbre, mialgie, con esordio da 6 a 12
ore dalla somministrazione della vaccinazione e della durata di 1 o 2 giorni.
Vengono raramente segnalate anche reazioni allergiche.
Sono stati riferiti, dopo vaccinazione antinfluenzale, eventi rari quali trombocitopenia, nevralgie,
parestesie, disordini neurologici.
La correlazione causale tra la somministrazione di vaccino antinfluenzale e tali eventi non è
stata dimostrata.
In particolare, non è stata dimostrata l’associazione tra i vaccini antinfluenzali correntemente
in uso e la sindrome di Guillain Barrè, che presenta invece una associazione con diverse malattie
infettive, tra cui la stessa influenza ed altre infezioni delle vie aeree.
La identificazione di eventi avversi osservati in soggetti vaccinati è da segnalare nell’ambito della
corrente farmacovigilanza curata dall’Agenzia Italiana per il Farmaci AIFA
5. Somministrazione simultanea del vaccino anti-influenzale ed anti-pneumococcico in anziani
e soggetti a rischio
Negli adulti ad alto rischio di complicazioni e negli anziani, è possibile effettuare la vaccinazione
antipneumococcica contemporaneamente con quella antinfluenzale. Negli ultimi anni, numerosi
studi pubblicati in letteratura hanno dimostrato che la simultanea somministrazione del vaccino
antipneumococcico e antiinfluenzale elicita una risposta immunitaria soddisfacente, senza
aumentare l’incidenza o la severità degli eventi avversi.
È raccomandabile, dunque, come previsto dal PNV 2005-2007, favorire programmi di offerta attiva
della vaccinazione a soggetti di età uguale o superiore a 64 anni, ai soggetti istituzionalizzati, ai
soggetti ad alto rischio, con vaccino polisaccaridico 23-valente, in occasione della vaccinazione
annuale contro l’influenza e prevedere, contemporaneamente, programmi di sorveglianza per la
valutazione dell’efficacia dell’intervento vaccinale. In Italia alcune regioni e PA hanno deliberato
l’offerta di vaccinazione anti-pneumococcica durante le campagne di vaccinazione anti-influenzale;
per la stagione 2008-09 risultano vaccinati il 2,6% degli ultrasessantacinquenni.
Va comunque tenuto presente che, mentre la vaccinazione antinfluenzale va effettuata annualmente,
la vaccinazione antipneumococcica richiede un solo richiamo dopo 5 anni e quindi la quantità di
soggetti vaccinati in un anno è certamente una sottostima di tutti i vaccinati; alla luce delle attuali
conoscenze in merito si consiglia di effettuare non più di un richiamo dalla prima dose.
Una recente revisione delle evidenze disponibili in letteratura, commissionata dal Ministero della
Salute, e i cui risultati sono disponibili su sito www.epicentro.iss.it/epb, conclude che non vi è
consenso unanime tra i revisori delle evidenze circa l’efficacia della vaccinazione universale tra gli
16
anziani. Inoltre non sono ancora disponibili osservazioni circa l’effetto aggiuntivo, in termini di
guadagno di salute, ottenuto dalla vaccinazione anti-pneumococcica.
Al momento, non vi sono ulteriori elementi per modificare le raccomandazioni vigenti anche nel
corso di pandemia.
6. Raccomandazioni per l’incremento della copertura vaccinale, per l’offerta del vaccino
antinfluenzale, e per la sorveglianza epidemiologica dell’influenza
6.1 Obiettivi di copertura del programma di vaccinazione
Per ridurre significativamente la morbosità per influenza e le sue complicanze, nonché l’eccesso di
mortalità, è necessario raggiungere coperture elevate nei gruppi di popolazione target della
vaccinazione, in particolare nei soggetti ad alto rischio di tutte le età.
D’altra parte, per quanto detto a proposito delle ricadute della vaccinazione antinfluenzale e del
razionale per la sua implementazione, e’ necessario riconfermare gli obiettivi di copertura già
stabiliti dalla pianificazione nazionale (Piano Nazionale Vaccini) ed individuare tutte le modalità
necessarie per il raggiungimento di tali obiettivi, soprattutto quelle utili per il raggiungimento dei
gruppi a rischio.
Gli obiettivi di copertura, per tutti i gruppi target, sono i seguenti:
- il 75% come obiettivo minimo perseguibile
- il 95% come obiettivo ottimale.
6.2 Interventi
I dati di vendita dei vaccini antinfluenzali ed i dati di copertura vaccinale, relativi alla campagna
antinfluenzale 2008-2009, mostrano che la proporzione di vaccinati risulta simile a quanto
osservato nella stagione 2007-2008.
In base ai dati relativi ai soggetti vaccinati, forniti dalle Regioni e PP.AA., emerge che la copertura
vaccinale negli ultrassentacinquenni è stata del 65% circa (Allegato 1).
Non sono disponibili dati di copertura per le singole categorie a rischio.
La copertura vaccinale antinfluenzale, nel totale della popolazione, è di circa il 19%.
Pertanto, la copertura vaccinale negli anziani non ha ancora raggiunto il target previsto a livello
nazionale, e mancano le informazioni sui gruppi a rischio, per i quali i risultati di indagini
campionarie mostrano coperture assolutamente insufficienti (< style="color: rgb(255, 0, 0);">invitarli attivamente alla vaccinazione
;
- registrare le vaccinazioni effettuate, ottenendo dati sull’utilizzazione del vaccino antinfluenzale
anche al di fuori delle strutture delle ASL (MMG, farmacie). I dati statistici relativi all’andamento
della vaccinazione antinfluenzale, andranno inviati a questo Ministero, esclusivamente in forma
aggregata per Regione e Provincia Autonoma, in via provvisoria, entro il 15 gennaio 2010 e, in via
definitiva, entro il 15 aprile 2010, utilizzando lo schema allegato (Allegato 2); si richiama
l’attenzione delle SS.LL. sull’opportunità del rispetto di tale scadenza, ai fini di un corretto
monitoraggio delle attività di profilassi antinfluenzale, prima dell’inizio della stagione successiva;
- sorvegliare gli eventi avversi a vaccino; si raccomanda un’attenta sorveglianza delle eventuali
reazioni avverse a vaccinazione, per la segnalazione delle quali devono essere seguite le
disposizioni fornite dal Decreto del Ministro della Salute del 12 dicembre 2003 (cfr. G.U. n° 36 del
13 febbraio 2004 e lettera circolare DGPREV.V/2062 del 30 gennaio 2004);
- sorvegliare la sindrome influenzale, e migliorare le conoscenze sulle complicanze attribuibili
all’influenza (quali decessi e ricoveri).
Le attività di monitoraggio epidemiologico e virologico sono determinanti, non solo ai fini delle
decisioni relative alla composizione che dovrà avere il vaccino antinfluenzale nelle successive
stagioni epidemiche, ma anche per indirizzare le scelte in materia di programmazione sanitaria La sorveglianza epidemiologica viene sistematicamente attivata ogni anno, in base ad un protocollo
inviato a tutte gli Assessorati Regionali alla Sanità che individuano i referenti ed i medici sentinella
per la sorveglianza. Le regioni sono, pertanto invitate a sensibilizzare la partecipazione dei medici
di medicina generale e pediatri di libera scelta alla sorveglianza epidemiologica.
Le Regioni sono altresì invitate a potenziare la sorveglianza virologica dell’influenza e delle altre
virosi respiratorie, identificando e sostenendo adeguatamente i laboratori afferenti alla rete
nazionale.

Fine so che è lungo da leggere ma credo sia stato doveroso postare questa circolare chi avrà avuto la pazienza di leggere noterà che da nessuna parte è scritto obbligatorietà delle vaccinazioni.

venerdì 25 settembre 2009

Complottismo da supermercato







Dato che educatamente long_john ha detto che caccio balle e un anonimo senza le suddette mi dà del bugiardo posto le foto che con tanta educazione mi son state chieste.
Dimenticavo la prima foto in alto è l'altro DVD di grande valore storico e pieno di fonti di provata attendibilità che fa il paio con il film del famoso regista Italiano che poverino vive nel paese del male.Sono le mie prime foto postate quindi non sono ordinate come volevo ma credo che come prove vadano bene ora i 2 signori di prima postano qualche prova di qualche teoria? Dimenticavo perchè queste opere d'arte non possono stare al supermercato? Ci sta pure il film sugli UFO l'unica pecca è che non stavano vicino al banco delle mozzarelle di Bufale
Con 10 euro vi portate a casa dei capolavori fatti con totale imparzialità e pieni di pareri di esperti di fame mondiale.P.S. fame non è un lapsus :-)
Come si vede ho fotografato pure il nome del supermercato spero siate soddisfatti.

giovedì 24 settembre 2009

Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2009-2010”

Circolare del Ministero del lavoro della salute e delle politiche sociali. Alcune parti non attinenti non sono state inserite ma credo che WeWee la conosca. Perdonate se durante il copia e incolla sbaglio qualcosa. Dimenticavo scusate se è prolissa ma le circolari ministeriali di solito lo sono.

Si allega l’annuale nota informativa per la prevenzione ed il controllo dell’epidemia stagionale
d’influenza 2009-2010, comprendente le più recenti indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della
Sanità sulla composizione dei vaccini antinfluenzali.
La nota è un documento esplicativo dell’Accordo, ai sensi dell’articolo 4 del decreto legislativo
28 agosto 1997, n° 281, tra il Ministero della Salute e i Presidenti delle Regioni e delle Province
Autonome, concernente il Nuovo Piano Nazionale Vaccini 2005-2007, del 3 marzo 2005, e, alla luce
della diffusione della pandemia influenzale da virus A(H1N1)v, è stata condivisa nell’Unità di crisi ad
hoc di questo Ministero, dove sono rappresentate anche le Regioni e PP.AA., che ne ha approvato i
contenuti.
I contenuti di tale documento sono passibili di modifiche, che saranno apportate in accordo con
le Regioni e PP. AA., qualora dovessero intervenire necessità prioritarie, legate alla immunizzazione di
massa con vaccini pandemici, allorquando disponibili
Si prega di voler dare massima diffusione all’allegato documento e di informare questo Dicastero
su eventuali iniziative finalizzate all’implementazione delle indicazioni contenute nella stessa:
Prevenzione e controllo dell’influenza:
raccomandazioni per la stagione 2009-2010
1. Premessa
L’influenza è una malattia provocata dai virus influenzali, che colpisce prevalentemente le vie
respiratorie. L’infezione si trasmette per via aerea, attraverso le goccioline di saliva, emesse con la
tosse, lo starnuto o anche semplicemente parlando.
Il periodo di contagiosità comincia un po’ prima che si manifestino i primi sintomi e si prolunga per
5-7 giorni (il periodo di contagiosità nei bambini può essere più lungo che negli adulti). Il periodo
di incubazione dell’influenza è di 1-4 giorni (in media 2). I virus dell’influenza, che resistono molto
bene nell’ambiente esterno in situazioni di bassa temperatura ed umidità, si diffondono facilmente
negli ambienti affollati.
I sintomi dell’influenza (febbre, mal di testa, malessere generale, tosse, raffreddore, dolori
muscolari ed articolari) sono comuni a molte altre malattie, per, cui dal punto di vista clinico, la
definizione di caso di sindrome influenzale (influenza like illness = ILI) prevede una affezione
respiratoria ad esordio acuto, con febbre oltre i 38°C, accompagnata da almeno uno tra i seguenti
sintomi sistemici: cefalea, malessere generalizzato, sudorazione, brividi, astenia, e da almeno uno
dei seguenti sintomi respiratori: tosse, faringodinia, congestione nasale.
Soprattutto nei bambini, le ILI, si possono manifestare anche con sintomi a carico dell’apparato
gastro-intestinale (nausea, vomito, diarrea).
Solitamente la malattia dura circa una settimana e si risolve con la guarigione. In alcuni casi
possono verificarsi complicanze causate da sovra infezioni batteriche a carico di apparati diversi
come polmonite, sinusite e otite (queste ultime soprattutto nei bambini), disidratazione, e dal
peggioramento di malattie preesistenti (ad esempio malattie croniche dell’apparato cardiovascolare,
respiratorio, renale, ecc).
L’influenza costituisce un importante problema di Sanità Pubblica a causa della ubiquità,
contagiosità, variabilità antigenica dei virus influenzali, dell’esistenza di serbatoi animali e delle
possibili gravi complicanze. Frequente motivo di consultazione medica e di ricovero ospedaliero, e
principale causa di assenza dal lavoro e da scuola, l’influenza è ancora oggi la terza causa di morte
in Italia per patologia infettiva, preceduta solo da AIDS e tubercolosi. In particolare, si stima che in
Italia l’influenza stagionale causi ogni anno circa 8.000 decessi1 in eccesso, di cui 1000 per
polmonite ed influenza, ed altri 7000 per altre cause. L’84% di questi (pari a 6.700 decessi per tutte
le cause e 900 decessi per polmonite ed influenza in media) riguarda persone di età ≥65 anni.
Alla base dell’epidemiologia dell’influenza vi è la marcata tendenza di tutti i virus influenzali a
variare, cioè ad acquisire cambiamenti nelle proteine di superficie (emagglutinina e
neuramminidasi), che permettono loro di aggirare la barriera costituita dall’immunità presente nella
popolazione con esperienza pregressa di infezione; ciò spiega perchè l’influenza possa
ripetutamente colpire la popolazione e causare ricorrenti epidemie.
In Italia, l’andamento stagionale delle ILI è rilevato attraverso la rete di medici sentinella Influnet. I
dati forniti dal sistema di rilevazione, attivo dal 1999, hanno permesso di stimare che le ILI
interessano ogni anno il 4-12% della popolazione italiana, a seconda delle caratteristiche del virus
influenzale circolante in una data stagione.
Per quanto attiene la situazione epidemiologica del nuovo virus A(H1N1)v e le relative misure di
mitigazione e controllo, queste sono in continua evoluzione e differiscono da quelle condotte per la
prevenzione e controllo dell’influenza stagionale.
Si sottolinea, inoltre, che la conduzione di una campagna vaccinale con vaccini pandemici
considera criteri differenti da quelli adottati per la vaccinazione stagionale. L’Organizzazione
Mondiale della Sanità (OMS), infatti, raccomanda la vaccinazione pandemica a categorie
considerate prioritarie, quali: operatori sanitari e personale del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) e
soggetti a rischio per patologie pregresse. Alla luce dei possibili scenari epidemici nazionali, basati
su modelli matematici, sarà considerata l’immunizzazione di tali categorie. È in corso di
valutazione, inoltre, l’estensione della campagna vaccinale pandemica anche ai soggetti in età
scolare, che sono più suscettibili di contrarre tale infezione e, conseguentemente, a trasmetterla
1.1 L'influenza nel mondo durante la stagione influenzale 2008-2009
Tra settembre 2008 e gennaio 2009, secondo l’OMS, l’influenza ha circolato in tutti i continenti
(Africa, America, Asia, Europa e Oceania). In generale, l’attività influenzale è stata inferiore
rispetto allo stesso periodo degli ultimi anni, anche se in alcuni Paesi europei è stata registrata una
maggiore attività.
Nell’emisfero Sud, la circolazione dei virus influenzali è continuata fino a novembre 2008 ed in
Australia, ha raggiunto il picco epidemico a settembre 2008. I virus influenzali predominanti in
Australia e Nuova Zelanda sono stati quelli appartenenti al sottotipo B, mentre in altri Paesi, con
entità variabile, hanno co-circolato, oltre ai virus influenzali di tipo B, anche quelli del tipo A/H1N1
ed A/H3N2.
Nell’emisfero Nord, l’attività dei virus influenzali è stata moderata. In Giappone, Tunisia e in molti
Paesi europei, è stata segnalata la circolazione di virus influenzali di tipo A/H3N2 a dicembre e
gennaio. In Nord America hanno co-circolato virus influenzali di tipo A/H1N1, A/H3N2 e B. In
particolare, negli Stati Uniti sono stati predominanti i virus influenzali di tipo A/H1N1 e in Canada
sono stati predominanti i virus influenzali di tipo B.
Il sistema di sorveglianza Europeo dell’influenza (European Influenza Surveillance Scheme –
EISS), ha mostrato che nella stagione 2008-2009 quindici paesi hanno segnalato un’alta intensità di influenza. Il maggior numero di richieste di consulenza medica sono avvenute per le fasce di età 0-4
e 5-14 anni, mentre in Inghilterra, Norvegia e Romania è stato segnalato il maggior numero di
consultazioni nella fascia di età 15-64 anni.
Va tuttavia tenuto presente che la sorveglianza della morbosità per influenza nei paesi europei è
effettuata con metodologie diverse. Nelle Nazioni con Servizio Sanitario Nazionale, come l’Italia, il
numero di casi di ILI, segnalati dai medici sentinella ogni settimana (numeratore), è rapportato al
numero di assistiti in carico al medico stesso (denominatore). E’ pertanto possibile calcolare un
tasso di morbosità globale e per singole classi d’età.
Nei paesi a differente organizzazione sanitaria, la morbosità per influenza è stimata invece come
percentuale di chiamate per ILI, che il medico sentinella riceve settimanalmente. Il confronto fra
paesi va quindi effettuato con cautela.
1.2 Epidemiologia dell’influenza in Italia
In Italia, l’andamento stagionale delle ILI è rilevato attraverso una rete di medici sentinella,
denominata “Influnet”, coordinata dal Ministero della Salute, attiva fin dal 1999-2000 e concordata
con le Regioni e PP.AA. La raccolta e l’elaborazione delle segnalazioni di malattia è effettuata dai
Centri di Riferimento Nazionali: Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione
della Salute dell’Istituto Superiore di Sanità (CNESPS, ISS) e Centro Interuniversitario di Ricerca
sull’Influenza (CIRI) che utilizzano lo stesso protocollo operativo. L’ISS provvede all’elaborazione
a livello nazionale e produce un rapporto settimanale.
La sorveglianza epidemiologica si basa sulle rilevazioni settimanali dei casi di ILI, da parte di circa
900 Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta a partire dall’inizio della 42° settimana
dell’anno fino all’ultima settimana del mese di aprile dell’anno successivo. Ai medici che
partecipano alla sorveglianza si richiede di identificare e annotare giornalmente, sul proprio registro
cartaceo, ogni nuovo caso di sindrome influenzale. Ogni settimana il numero aggregato dei casi
osservati da ogni medico (divisi per gruppi di età) viene trasmesso al competente Centro di
Riferimento.
Durante la stagione 2008-2009, si è registrata, in Italia, una attività di media entità dell’influenza
con una incidenza totale pari a 72 casi per 1000 assistiti. Tale valore è intermedio rispetto
all’incidenza osservata nella stagione 2005-2006 (41 casi per 1000 assistiti), quando è stato
osservato il minimo storico di attività influenzale e quella osservata nella stagione 2004-2005 in cui
l’incidenza ha raggiunto il massimo livello (116 casi per 1000 assistiti) dall’avvio della
sorveglianza (stagione 1999-2000). Come osservato in tutte le stagioni influenzali, la fascia di età
più colpita è quella dei bambini fino a 14 anni (incidenza: 156 per 1000 assistiti); in particolare il
picco massimo è stato osservato nella fascia 0-4 anni (193 casi per 1000 assistiti), seguito dalla
fascia 5-14 anni (139 casi per 1000 assistiti); l’incidenza decresce all’aumentare dell’età, e
raggiunge il valore minimo negli anziani (da 59 per 1000 assistiti tra 15 e 64 anni, a 34 per 1000
tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni).
Alla sorveglianza epidemiologica si affianca la sorveglianza virologica, mirata alla
caratterizzazione qualitativa dei diversi ceppi di virus influenzali circolanti, essenziale per
l’aggiornamento della composizione del vaccino annuale della stagione successiva.
L’attività di monitoraggio virologico viene coordinata dal Centro Nazionale Influenza (NIC)
dell’Istituto Superiore di Sanità, che si avvale della collaborazione di una rete di 15 laboratori
regionali, che provvedono alla raccolta dei campioni e alla identificazione dei virus.
L’attività di sorveglianza dell’influenza è condotta nell’ambito del programma mondiale dell’OMS
e della rete di sorveglianza europea (EISS).
1 Trends for influenza‐related deaths during pandemic and epidemic seasons, Italy, 1969‐2001.
Rizzo C, Bella A, Viboud C, Simonsen L, Miller MA, Rota MC, Salmaso S, Ciofi degli Atti ML. Emerg Infect Dis. 2007 May;13(5):694‐9.

Durante la stagione 2008/09, nell’ambito delle attività di sorveglianza virologica
dell’influenza, sono stati raccolti ed analizzati 2213 campioni clinici di cui 737 (33%) sono risultati
positivi per influenza, come mostrato in Figura 1. Il periodo di massima raccolta dei campioni è
stato registrato tra la 3° e la 5° settimana del 2009, sebbene la circolazione virale si sia mantenuta a
livelli piuttosto elevati in un periodo più esteso, compreso tra la 2° e la 6° settimana. In particolare,
la percentuale di positività registrata ha raggiunto il picco più elevato (44%) nella 1° settimana.
I virus influenzali di tipo A sono risultati complessivamente predominanti (94%) rispetto a
quelli di tipo B (6%) ed il sottotipo H3, è stato nettamente prevalente (87%), nell’ambito del tipo A,
rispetto ai ceppi H1 (4%). Sul restante 9% dei ceppi di tipo A non è stato possibile ottenere una
sottotipizzazione. Va sottolineato, inoltre, che i virus di tipo B hanno cominciato a circolare soltanto
a partire dalla 4° settimana del 2009.
Le analisi di caratterizzazione antigenica e molecolare eseguite sui ceppi virali isolati
durante la stagione di sorveglianza, hanno mostrato un’elevata omologia dei virus influenzali A/H3
nei confronti del ceppo A/Brisbane/10/2007 e dei virus A/H1 nei confronti del ceppo
A/Brisbane/59/2007, già presenti nella composizione vaccinale per la stagione 2008/09 e, pertanto,
confermati dall’OMS anche nella composizione vaccinale per la prossima stagione 2009/10.
Nell’ambito dei virus di tipo B, le analisi effettuate hanno confermato anche per
quest’ultima stagione, una co-circolazione, sebbene a livelli molto bassi, di ceppi appartenenti ai
due lineaggi Victoria- e Yamagata-like. Tuttavia, soprattutto nella seconda metà della stagione, i
ceppi appartenenti al lineaggio Victoria-like sono risultati nettamente dominanti e strettamente
correlati, sia dal punto di vista antigenico che molecolare, al nuovo ceppo di riferimento
B/Brisbane/60/2008. In linea con quanto riportato anche nel nostro Paese, l’OMS ha deciso di
sostituire il vecchio ceppo vaccinale B/Florida/4/2006 (lineaggio Yamagata-like) con la nuova
variante B/Brisbane/60/2008 (lineaggio Victoria-like).
Durante la stagione 2008-2009, le attività di monitoraggio condotte nell’ambito dello studio
della resistenza ai farmaci antinfluenzali ed, in particolare, agli Inibitori della Neuraminidasi, hanno
permesso di rilevare che tutti i virus influenzali di tipo A - sottotipo H1N1 – analizzati nel
laboratorio del NIC (18 sul totale di 27 ceppi isolati e/o identificati in tutta Italia) sono risultati
resistenti all’Oseltamivir (Tamiflu), sebbene ancora sensibili allo Zanamivir (Relenza). A tal
proposito, in Tabella 1 vengono confrontati i risultati ottenuti sui virus italiani nell’ultima stagione
con i dati messi a disposizione dagli altri paesi europei.

Per ora mi fermo qui al piu presto proseguo.

giovedì 17 settembre 2009

Uccisi 6 nostri soldati della brigata Folgore

Assassinati 6 nostri militari a Kabul non si conosce al momento il numero dei civili uccisi dai taliban.
Onore ai nostri soldati e condoglianze alle loro famiglie.

Gheddafi vuo dividere la Svizzera. Altro che i nostri complottisti questo si che è suonato forte.

A Muammar Gheddafi le scuse solenni del presidente svizzero per l'arresto del figlio Hannibal non sono bastate. Per questo intende chiedere alle Nazioni Unite di smembrare la confederazione elvetica in tre: i cantoni italiani a Roma, quelli francofoni a Parigi e quelli tedeschi alla Germania. Il leader libico presentera' istanza formale alla prossima Assemblea generale delle Nazioni Unite in programma il prossimo 23 settembre sotto la presidenza della Libia. Lo ha rivelato alla televisione svizzero-tedesca la parlamentare elvetica e vice presidente della commissione esteri Christa Markwalder, citata dal quotidiano Le Matin. "La Libia ha presentato istanza affinche' l'Assemblea generale dell'Onu discuta anche lo smembramento del territorio elvetico". I rapporti tra Tripoli e Berna sono pessimi da quando a Ginevra a luglio 2008 il figlio di Gheddafi e la moglie incinta, accusati di maltrattamenti nei confronti di due domestici di un albergo, vennero arrestati.
Fonte: http://www.repubblica.it/ultimora/24ore/LIBIA-GHEDDAFI-VUOLE-DIVIDERE-IN-TRE-LA-SVIZZERA/news-dettaglio/3711585
Ecco l'amico del miglior presidente del consiglio da 150 anni meglio pure di De gasperi.
Non si sa se Attivissimo dovrebbe passare sotto la sovranità italiana :-) i giornali non ne parlano.
La notizia è vecchia ma io ne sono venuto a conoscenza ora e la volevo condividere con chi non la conosceva.

mercoledì 16 settembre 2009

Nuovo infiltrato debunker nel tempio della verità

Questo è un post tratto da LC Il sospetto che sia un fake è grosso Mazzucco pure nutre dubbi ma questo naturalmente è ovvio.
Re: Lettera aperta a Paolo AttivissimoRisposta alle 12 domande di Massimo Mazzucco sull'11 settembre:


TORRI GEMELLE

Domanda n. 1 : Perchè non è stato incriminato nessuno fra i responsabili del progetto e della costruzione delle Torri Gemelle, nè è mai stata nemmeno suggerita una responsabilità penale da parte loro?

La ringrazio per la splendida domanda. In effetti anch'io mi sono sempre chiesto: ma perché le Torri dovevano proprio stare lì in mezzo, a intralciare il traffico aereo? È evidente che la costruzione di palazzi così alti costituisce un serio pericolo per i dirottatori inesperti. Ma la responsabilità penale, in questo caso, è troppo diffusa: occorrerebbe infatti vietare la costruzione di grattacieli nuovi e demolire quelli esistenti. Ma sappiamo bene che gli interessi economici in gioco sono troppo forti: il sindacato degli addetti agli ascensori non permetterà mai una riforma del genere, quindi dobbiamo accontentarci di incolpare quelle che in realtà sono le vere vittime di questi disgraziati incidenti.

Domanda n. 2 : Che cosa ha causato le pozze di acciaio e metallo fuso, piegato le colonne senza incrinarle, continuando a bruciare per settimane sottoterra?

La ringrazio per la splendida domanda. La presenza di pozze di acciaio fuso ad altissima temperatura è effettivamente documentata da foto come questa,
http://photos1.blogger.com/blogger/1884/3307/1600/PeerGeoEpoche.jpg
ma ciò che più stupisce, in realtà, sono le proprietà ignifughe e resistenti al calore del corpo dei vigili del fuoco. La spiegazione più plausibile per questo fenomeno è che quelli che vediamo nell'immagine non sono pompieri come tutti, ma appartengono a questa particolare specie.
http://www.grisu.li/Bilder/Grisu.jpg

Domanda n. 3: Sapete spiegare come sia accaduto che le leggi della fisica, che prevedono che un corpo in caduta segua la linea di minore resistenza, siano state aggirate in ciascuno dei tre casi?

La ringrazio per la splendida domanda. È effettivamente noto che un grave lasciato cadere evita sempre di colpire qualsiasi ostacolo che potrebbe opporre resistenza e intralciarne il cammino. È quindi strano che i piani superiori abbiano deciso di impattare proprio su quelli inferiori, provocando una reazione a catena, invece di scostarsi educatamente e precipitare nel vuoto. Siccome le leggi della fisica non possono essere violate in nessun caso, qualunque sia la ricostruzione degli eventi, l'unica spiegazione possibile per questo fenomeno è un intervento soprannaturale.


UNITED 93

Domanda n. 4 : Visto che quel giorno non c'era vento forte, e siccome nessuno ha sparato all'aereo in volo, come è stato possibile ritrovare dei resti dell'aereo a 14 Km. dal luogo di impatto?

La ringrazio per la splendida e accurata domanda. Effettivamente quel giorno non c'era vento forte, come può testimoniare mio cugino Charlie Brown, che era nei paraggi cercando di far volare il suo aquilone. Ne segue che i frammenti di aereo sono stati trasportati a quella distanza dal suo fedele bracchetto, Snoopy.

Domanda n. 5 : Visto che l'aereo sembra essere scomparso in questa buca, come è stato possibile ritrovare e identificare tramite il DNA i resti di ogni singolo passeggero? E anche il 95% dell'aereo, fra le altre cose?

La ringrazio per la splendida domanda. Effettivamente l'aereo sembra proprio scomparso, il che è molto strano, perché ci si aspetterebbe invece di trovarlo intero e ancora funzionante dopo la caduta, e con i passeggeri in fila per farsi prelevare il sangue, com'è la norma in caso di incidente aereo. Ma in realtà l'aereo c'è, solo che era cosparso di vernice invisibile per sfuggire al nemico.

Domanda n. 6 : Se l'aereo bianco era davvero un aereo privato, perchè Popular Mechanics ha usato prove falsificate per sostentare la propria affermazione?

La ringrazio per la splendida domanda. È molto imbarazzante dover ammettere che Popular Mechanics ha cercato di coprire l'identità del pilota dell'aereo bianco, ma ciò è stato per nobili motivi, ovvero per non spaventare la popolazione. L'aereo era quello di Charles Lindbergh, il cui fantasma appare ogni volta nei pressi di un disastro aereo.
ACROBAZIE AD ALTA VELOCITÀ

Domanda n. 7 : Come può una persona che non abbia mai guidato un jet nella sua vita, sedersi ai comandi di un aereo da 100 tonnellate, e fare manovre ad alta velocità considerate praticamente impossibili da piloti con 30 anni di esperienza?

La ringrazio per la splendida domanda. Come può una persona sedersi ai comandi di un aereo? Effettivamente non è una cosa che tutti possano fare senza prima indossare un'uniforme da pilota, perché verrebbero allontanati dal personale di volo. E soprattutto se l'aereo pesa 100 tonnellate, perché sollevarlo a forza di braccia diventa molto difficile. Però può aiutare il fatto che l'aereo sia già in volo, e il vero pilota morto sgozzato. Per le manovre acrobatiche, duole ammettere che in effetti nessun pilota esperto è mai riuscito ad attraversare un edificio col proprio aereo e rimanere in vita, come pare sia successo ai dirottatori, tutti vivi e vegeti. È un miracolo.


PENTAGONO

IL VOLO RASO-ERBA

Domanda n. 8 : Poichè volava raso-erba, potete spiegare come ha fatto l'imponente 757 a raggiungere la zona di impatto senza colpire gli ostacoli lungo il percorso? E perchè questi rulli di cavo elettrico non sono stati nemmeno fatti cadere dalla turbolenza generata sotto l'aereo a 900 Km./h.?

La ringrazio per la splendida domanda. È incredibile che l'aereo abbia volato raso-erba durante tutto il percorso fino al suo bersaglio (probabilmente nel tentativo di sfuggire ai radar). Mio cugino Linus, che abita a una cinquantina di chilometri dal luogo dell'impatto, mi ha perfino riferito che quel giorno non ha avuto bisogno di tosare il prato dietro casa sua. Però il pilota è stato facilitato, in questo, dal fatto che tutti gli ostacoli sul suo cammino, come i pali della luce, venissero abbattuti con precisione millimetrica un istante prima che l'aereo ci finisse contro. Che i rulli di cavi non siano stati fatti cadere, è una straordinaria coincidenza: le testimonianze fotografiche li mostrano effettivamente in precario equilibrio su uno spigolo, l'uno sopra l'altro a formare un numero da circo. Ancora una volta devo appellarmi al miracolo.


ALI, CODA, MOTORI E FUSOLIERA

ALI, CODA, MOTORI E FUSOLIERA

Domanda n. 9-A : Perchè le ali dovrebbero essersi staccate in parte prima dell'impatto, e dove sono finite?

Domanda n. 9-B : Dove è finita la coda, che si alza di 4 metri oltre la fusoliera, e perchè non ha lasciato segni sulla parete, nè ha rotto le finestre sopra il foro d'entrata?

Domanda n. 9-C : Dove sono finiti i motori, che sembrano semplicemente scomparire nell'animazione della Purdue? Se sono entrati nell'edificio, puoi indicare i fori di entrata?

Domanda n. 9-D :Puoi spiegare come fa un aereo senza ali e senza motori a volare in una foresta di colonne di cemento armato, quando un aereo con le ali e con i motori non riesce a farlo nemmeno in una foresta di alberi?

Domanda n. 9-E : Se l'aereo è diventato "quasi come un liquido", diventando "una palla di fuoco", al punto da scomparire nel nulla, puoi spiegare come sia stato possibile ritrovare i resti di tutti i passeggeri, e identificarli uno per uno con l'analisi del DNA?

La ringrazio per la splendida domanda e accurata, però sono 5 domande, e non vale. Devo comunque darle ragione riguardo al "volare in una foresta di colonne di cemento armato". Effettivamente è impossibile districarsi in quel labirinto, a meno che il pilota non avesse i riflessi eccezionalmente pronti. Ma in suo aiuto è arrivato ancora una volta l'intervento divino, che ha fatto "scomparire nel nulla" lui, l'aereo, e i passeggeri, teletrasportandoli in un luogo sicuro dove è stato possibile analizzare il DNA in tutta comodità.


RAPPORTO NIST - WTC 7

Domanda #10: Puoi spiegare come il cedimento di una sola colonna possa causare il crollo simmetrico dell'intero edificio, per il quale è necessario il cedimento di tutte le colonne nell'arco di poche frazioni di secondo una dall'altra?

La ringrazio per la splendida domanda. Non è spiegabile, e infatti il rapporto Nist, che lei ha sicuramente letto da cima a fondo, non lo spiega (non posso immaginare che non lo abbia letto, dato che la pagano per questo). In realtà sono tutte parole generate casualmente da un centinaio di scimmie davanti a una macchina da scrivere, in modo da dare un'apparenza superficiale di senso. Gli autori del rapporto sono stati costretti a firmarlo con la minaccia di ridurre la razione settimanale di banane. Speravamo che ci cascassero tutti.

CONOSCENZA ANTICIPATA

Domanda n. 11: Se il crollo di una struttura in acciaio a causa del fuoco non si era mai verificato prima, come hanno fatto così tante persone a prevederlo, con ore di anticipo?

La ringrazio per la splendida domanda. Nella storia degli incendi a palazzi, effettivamente, non si era mai verificato che un'area venisse fatta evacuare prima del crollo, visto che di solito si approfitta del lieto evento per organizzare fiere e giostre, con spettacoli di burattini per i più piccoli. Il fatto inedito che si siano prese tutte queste precauzioni, senza neanche preoccuparsi di salvare l'unico edificio rimasto in piedi, è prova sicura del fatto che le autorità newyorchesi fossero in diretto contatto col mago Otelma.

Domanda n. 12: Perchè pompieri e polizia dovrebbero usare termini come "saltare in aria", o "tirare giù", se stessero solo aspettando un crollo spontaneo?

La ringrazio per la splendida domanda. I video dove si vedono i pompieri dire quelle cose sono stati manipolati con tecnologie digitali. È infatti ormai noto che gli edifici non sono veramente esplosi, ma sono state tagliate di netto tutte le colonne con l'uso di una materiale chiamato super-nano termite spray. Nella versione originale del video, i pompieri stanno correndo gridando "l'edificio si sta liquefacendo". Ma non potevamo rischiare che la verità saltasse fuori subito.
Tratto da: http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3323

Ecco la risposta della redazione: Re: Lettera aperta a Paolo Attivissimo
UNATANTUM: Non mi è chiaro il senso delle tue risposte. Suggerisci che ciò che hai scritto è quello che direbbero i debunkers, riporti risposte date da altri, oppure che cosa?
Ti sarei grato se vorrai chiarire.

Mazzucco mi sà che ci stà poco da chiarire :-)

venerdì 11 settembre 2009

11/9/01

Solo una preghiera per le vittime.

giovedì 10 settembre 2009

Intervista a bimbaminkia

Io: Ciao..

Bimbaminkia: Ciauz!!!

Io: Innanzitutto ti ringrazio per aver partecipato a questa chat-intervista.

Bimbaminkia: Grz 1000!!!

Io: Da dove vieni?

Bimbaminkia: Km?????

Io: Ehm... da dove vieni? Dove abiti?

Bimbaminkia: Nn ti kapisko prl italiano!

Io: Mmh... ok scusa ho capito... da dv dgt?

Bimbaminkia: Ah ok... ora t kapisko... dgt da kieti!

Io: Ma nella tua tastiera esiste il tasto C?

Bimbaminkia: xke??? Ke domnda è?

Io: Niente lascia perdere... continuiamo l'intervista. Qual'è il tuo gruppo preferito?

Bimbaminkia: I Tokio Hotel!!!!!! Bill kaulitz è bonissimOoOoOoOoOoOoO!!!!

Io: Molte persone odiano i Tokio Hotel cosa vuoi dire a loro?

Bimbaminkia: Sn sl degli invidiozi! xke Bill è bono e loro no!

Io: Capisco... qual'è il tuo film preferito?

Bimbaminkia: Ke dmnd!!! 3msc!!!!

Io: Eh...? 3msc???? Che cazzo di titolo di merda é?

Bimbaminkia: Ma km??? E' bellssm!!! Il prtgnist è Scamarcio!!! Qnt è bono!!!!!!

Io: Vedo che ti piacciono tutte persone di grande intelletto... comunque... ti consideri te stessa? O ti lasci condizionare dalla massa?

Bimbaminkia: Si ke sn me stessa!!! Io amo i Tokio Hotel xke piaciono a me!!! Io indosso i Jeans xke piaciono a me!!! Io fumo le sigarette xke lo vlut io!!! Io mi fumo le kanne xke lo vlut io!!!
Io o i pearcing xke piaciono a me!!!! Io o i tatuaggi xke piaciono a me!!! Nessn m kndiziona!!! Io sn me stessa!!





Bimbaminkia: Ehi c6???

Io: Si scusa... stavo traducendo... sei fidanzata?

Bimbaminkia: M è ovvio!! Io o avt una marea di rgzz poike sn bonissima! E tt mi sbvn dietro... kossike posso far vdr a tt ke o il rgzz e fare la figa d frnt alle mie amike!!! O due tette da sbll!!!

Io: Noto che oltre al tasto C ti manca anche il tasto H... comunque... cosa vorresti fare da grande?

Bimbaminkia: vrrei fr la velina!!!!! Bllrei col gabibbo!!!! :-) Cmq srbb una fikata pazzeska!!! Opure Grande Fratello!!! Ke fiko!!! O tnt vglia di sfondr nel mnd dello spettakolo!!

Io: Beh ti auguro di riuscire a realizzare i tuoi sogni.... non so se tu riuscirai a sfondare nel mondo dello spettacolo... ma di sicuro gli altri riusciranno facilmente a sfondare te! Ehm... dicevamo... hai una comitiva?

Bimbaminkia: Si ke ho una komitiva! K dmnd!!! Ki nn a una komitiva e uno sfigato!!!! I veri fiki anno smpr una komitiva!!! Trpp fiko fr uscite snz senso e far vdr agli altri la nstr fikaggine! Poi con i nstr fidnztn siamo trpp fiki!!!

Io: Cosa pensi delle persone che studiano e cercano di farsi un futuro nella vita?

Bimbaminkia: Ki std è un kojone sfigato!!! I veri fiki nn stdiano mai... io sn stata bocciata 3 vlt e ne vd fiera! La vr vita e frs le kanne! Avr la komitiva! E avr il fidanzato e fare i fiki!

Io: Da quanto ho capito non ti piace molto la scuola... hai una materia preferita?

Bimbaminkia: Si!!! Rikreazione! Ihihihihiihihihhihihihi :-D

Io: Ahahah che battutona originale... beh che dire sono sollevato...credevo che rispondevi “italiano”... e a quel punto ti avrei sparato! Comunque tornando a noi... hai altri hobby oltre a seguire gli altri, fumare, drogarti, farti più fidanzati possibili per seguire la moda, fare di tutto per essere apprezzata dagli altri, e fare uscite senza senso con una comitiva (poiché tu da sola non vali un cazzo)?

Bimbaminkia: ... xke mi offendi? Ke t o ftt? E poi modr il linguagio!!! Ke sn ste parl? Parla ankora ks e kiamo il moderatr ke ti banna!

Io: Veramente siamo su msn... (imbecille) comunque... se rispondi esattamente alla domanda che ti farò vincerai un biglietto per il concerto dei Tokio Hotel... ci stai?

Bimbaminkia: Kosa??? Ke bll!!! Potro vdr Bill dal vivo!!!! E poi potro urlr insieme all altr fans!!! Ke fiko magr mi fdnz pure kon Bill!!! Ok fmm la dmnd :-)

Io: Chi era Dante Alighieri?

Bimbaminkia: Mmh... fmm pnsr... un tronista di Uomini e Donne???

Io: … … bravissima... hai indovinato! Al più presto ti arriverà il biglietto del concerto direttamente a casa tua!

Bimbaminkia: Siiii ke fiko!!! Dv subito mndr un sms alla mia amika morira dinvida!!!

Io: Dopo dopo.... prima finiamo l'intervista... ti faccio ancora pochissime domande e poi ti lascio alle tue bimbeminkiaggini... non vorrai mica deludere i lettori!

Bimbaminkia: Nono! Ai rgione! Nn pss deludr i lettori!! Altrimnt nn m pss più askoltr Moonson dei Tokio Hotel!!!

Io: … non stavo parlando di lettori mp3... comunque vedo dal tuo profilo che hai un blog! Che ci scrivi di interessante?

Bimbaminkia: E un blog fantastiko!!! Ogni grn skrv tt kuello ke fcc kon la mia strdinaria komitiva... dei fidnzat ke mi faccio... di ogni uscita ke facciamo... e o mss anke l nstr fotuzze... abbracciati... è fikissimo!!! Anzi dp passaci e skrivi anke un kommento ;-)

Io: Non mancherò! Grazie dell'invito... finalmente ho trovato la soluzione alla mia stitichezza... comunque che diario di scuola hai?

Bimbaminkia: K dmnd!!! Il diario di 3msc!!! Inltr o anke il prtakiavi di Winnie The Pooh.. è ks tenro!!! E poi tt le mie amike ce l'hanno e fa fiko!

Io: … mmh interessante... scusami ma sono in difficoltà... sto cercando di farti più domande possibili alla tua portata... ma ho finito la fantasia... ora ho solo domande serie... non voglio sforzare troppo il tuo unico neurone... quindi prima che il virus delle K mi contagi e mi rincitrullisci con le tue cazzate... credo che sia meglio concludere l'intervista qua... grazie per aver partecipato...

Bimbaminkia: Prg!!! Grz a te!!! Mi sn divrtt :-) Tvtb!!! Tvumdb!!!

Io: Mi si è rotto il traduttore bimbominkiese-italiano... mi dispiace non posso più comunicare con te...

Bimbaminkia: ?? Ah ok... allr asptt il biglietto del koncerto!!! Ciauzzzzz!




L'intervista è finita! Grazie a tutti per la lettura..


Traduzione per bimbeminkia: L'intrvst è fnt! Grz a tt x la lttr!

Inviata da Parrocchetto

Copiata pari pari dal sito:bastardidentro.it

mercoledì 9 settembre 2009

Addio Mike

Mancherai a molti sparisce con tè un pezzo della nostra storia moderna.
Un pò sono cresciuto con tè e riso alle tue finte gaffe Addio a una parte della nostra tv e al padre dei quiz e dello spettacolo.

lunedì 7 settembre 2009

Da parte di Orso

Da parte di Orso

Ho saputo da poco dell'incidente occorso ad alcuni colleghi nel massiccio del Monte Bianco.
Tre persone morte, una delle quali avevo conosciuto personalmente, ed un operaio gravemente ferito.
Altri quattro, un pilota un tecnico, un medico ed una guida alpina, sono morti 2 settimane fa in trentino.
Tecnici e piloti non sono super eroi. Ci sono sicuramente lavori più pericolosi e meno gratificanti.
Però tecnici e piloti sono persone nella stragrande maggioranza che lavorano onestamente, che si guadagnano lo stipendio mettendo la sveglia al mattino e cercando di fare al meglio, cosi come altri milioni di persone, il loro lavoro.

Quelli che sono morti il 22 di agosto erano in volo per andare a perlustrare una frana sotto cui si temeva fossero rimaste intrappolate delle persone.
Quelli che sono morti oggi stavano effettuando dei lavori per il rifacimento una linea elettrica.
Vi sembrano azioni cosi disdicevoli?

I vari straker, mike, zret, che spesso hanno insultato per intero questa categoria, si sentono gratificati da questi sette morti in pochi giorni?
I loro discepoli, arturo, trotterella. mr.jones ecc.., ritengono veramente che tutti costoro fossero assassini al soldo di un complotto per avvelenarli?
E qui se il senso morale ha ancora un minimo di valore mi aspetto da loro una posizione netta.

O siamo tutti degli assassini ed allora dovete gioire della nostra morte, o siamo una categoria di persone comuni, come i vigili urbani, i muratori ed i postini, ed allora condannate coloro che ci desiderano tutti morti, come ha più volte dichiarato straker sul suo blog.

O infine, ammettete di essere persone piccole e meschine, lasciatevi scivolare addosso questa disgrazia come avete fatto con quelle passate, dimenticatevi pure che queste persone sono state ingiuriate senza mai avere la possibilità di difendersi e domani ricominciate pure ad insultarci.

Fulvio Turvani

PS chi volesse copiare questo appello sul suo blog, mi farà cosa gradita.


Aggiornamento: Il pilota inizialmete dato per morto è invece in condizioni gravissime all'ospedale di Aosta. Un pensiero a tutti i famigliari delle vittime.

sabato 25 luglio 2009

Quando si tiene un ministro della difesa che sà il fatto suo...

Più complessa e tutta da verificare, precisa
il ministro (La Russa ndr), la possibilità di utilizzare i
due Tornado non soltanto per semplici ricognizioni,
ma anche per il sostegno alle
truppesul terreno. «Si potrebbe non dotarli
di bombe utilizzarne solo il resto dell'armamento
per evitare il rischio di perdite
collaterali e sfruttarne la precisione quasi
pari a quella degli elicotteri unita a velocità
d'intervento molto elevata».

Da: il Giornale" del 22-07-2009
un aereo come il Tornado, per evitare danni collaterali?? Il deputato e ministro mi sà che non si rende conto dei mezzi delle nostre forze armate.
Mandare un AMX non si può vero? Visto mai che si scopre che è utile e molto più economico.
Ora pensano a ridisegnare la ralla per il Lince ma a mandare mezzi veri per i nostri ragazzi li nò vero? Mica siamo in guerra.................
Quando si dice la faccia come il culo.
Oppure a essere buoni non connettere il cervello alla bocca quando si parla....
Quasi rimpiango i 2 emigranti campani a Sanremo

martedì 21 luglio 2009

Guarda che sorpresa.

"Dire che quella della Libia sia stata una risposta inadeguata, deludente e politicamente miope è dire poco, di fronte a un dato di fatto". Così il presidente della Camera dei Deputati boccia la risposta sulla questione dei profughi libici che oggi Embarak el Shamek, il suo omologo libico, gli ha fatto pervenire con una lettera.
Davvero credevamo di risolvere la questione di quei poveretti mollando altri soldi al colonnello?
Altri soldi nostri buttati in mare..........

mercoledì 15 luglio 2009

Addio Alessandro Di Lisio R.I.P.

TI siamo grati per aver fatto il tuo dovere. Onore e gloria a tè.

giovedì 9 luglio 2009

Comprato zapper digitale

Visto che lo si deve fare per forza mi son deciso a comprare 2 zapper per vedere la tv digitale,dopo varie ricerche ne ho preso uno scart della united e uno diciamo classico sempre della stessa marca il primo mi è costato 30 euro + 2,50 di cavo antenna da collegare al televisore il secondo sui 40 euro + 3,50 si li ho comprati in tempi e negozi diversi. Dopo lunga battaglia su come configurarlo son riuscito con il primo quello a scart che và inserito direttamente nella presa scart della tv il secondo heheh che bello le istruzioni sono metà in italiano e metà in inglese forse lo fanno per far studiare le lingue straniere alle persone. Misteri della globalizazzione.

martedì 7 luglio 2009

Quando il dovere viene prima di tutto. Questo si che è attaccato al lavoro

E' un europarlamentare, quindi non perderà la poltrona. Ma quella di oggi non è stata una bella giornata per Matteo Salvini. Repubblica.it ha pubblicato il video di una sua sconcertante esibizione alla festa della Lega di Pontida. Chiama i napoletani "colerosi, terremotati". E' stato criticato da tutti i partiti, eccetto la Lega. E alla fine, ha almeno dovuto rassegnare le dimissioni dal Parlamento italiano. Anche se a Radio Capital ha voluto specificare: "I napoletani non c'entrano: "Dovevo optare fra Parlamento italiano e Parlamento europeo. E ho scelto l'Europa". Salvini è un esponente di primo piano della Lega Nord, capogruppo al consiglio comunale di Milano.

Che bello avere questi deputati che credono fermamente ai valori della loro patria che si chiama Italia e che legiferano in nome del popolo sovrano dalle alpi alla sicilia.
Ma trovati un lavoro vero che è meglio.
http://tv.repubblica.it/copertina/se-questo-e-un-parlamentare/34784?video

lunedì 6 luglio 2009

Succede pure a mè sono sotto attacco?

Oggi dopo aver con strenua fatica montato un fasciatoio e una culla è successo quel che non doveva succedere a luglio.... Si è rotto il climatizzatore in camera da letto é in garanzia ma il tecnico viene nella giornata di domani è un complotto? vogliono ridurre al silenzio questo modesto blog di periferia di una città periferica? Noi aspiranti debunker crediamo che non lo sappiamo :-)
Ma intanto fà caldo ma tanto tanto...

domenica 5 luglio 2009

NWO? Scie? Rettiliani? 2012? Nulla di più pericoloso del montare un fasciatoio

Saranno 2 ore che mi arrabatto nel montaggio al momento sono riuscito a mettere le ruote sotto dei pezzi di metallo che dovrebbero essere la struttura principale del malefico strumento.Le istruzioni sono grafiche ma per i miei neuroni sono ostiche inizia a girarmi la testa. Che laurea serve per montarla? ci sta pure una specie di rete ma non trovo le viti per fissarla e manco sò dove và messa altro che scie e alieni provate voi a tentare questa impresa e domani mi tocca pure la culla ho solo aperto lo scatolo e subito ho chiuso stanotte non ho dormito alla sorte che mi tocca.
Serve un telemetro forse? un impianto bioplasmatico? nanoazz si chiamano?
Mi sà che dovevo studiare di meno e fare il montatore.